ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Software "becca" Shakespeare: «Ha copiato da un manoscritto del 16esimo secolo»

Un software "becca" Shakespeare: «Ha copiato da un manoscritto del 16esimo secolo»

Per secoli gli studiosi si sono interrogati su cosa avrebbe ispirato William Shakespeare. Un software, utilizzato dai professori universitari inglesi per beccare i propri alunni nel caso decidessero di copiare, ha svelato l’arcano.

I ricercatori Dennis McCarthy e June Schlueter ritengono che il bardo di Stratford-upon-avon possa aver copiato diverse frasi e porzioni di  trama da un manoscritto poco conosciuto del sedicesimo secolo, “Ribellione e ribelli” di George North. Le poche nozioni sull’autore riguardano principalmente la sua attività di ambasciatore della corona inglese a Stoccolma. Difatti, fino ad ora, il suo lavoro più conosciuto era una descrizione di alcuni territori scandinavi risalente al 1561. Il sospetto è venuto alla nota studiosa di letteratura inglese, June Schlueter che, leggendo il lavoro di un autore semi-sconosciuto come North, ha ritrovato termini e trame che già conosceva, quelle shakespeariane appunto.

La Schlueter spulciando tra gli scaffali della British Library ha ritrovato questo manoscritto. Rebellion and rebels, è una sorta di pamphlet contro i rivoluzionari con annessa casistica di tutti quelli che hanno attentato al potere della Corona. Una volta appurato che le opere di North fossero antecedenti rispetto a quelle del più celebre collega ha parlato della sua intuizione a McCarthy. Quando i due studiosi hanno inserito alcuni testi tratti dalle opere di Shakespeare nel software, che per la cronaca è WCopyfind, hanno scoperto che esistono 20 corrispondenze tra il manoscritto di North e diverse opere del celebre drammaturgo inglese. Infatti Riccardo III, Macbeth, Enrico V e Re Lear nasconderebbero tutte dei passaggi estrapolati dall’opera di North.

McCarthy per assicurarsi che North e Shakespeare non avessero semplicemente usato una fonte comune, ha controllato attraverso il software ben 17 milioni di pagine provenienti da tomi della letteratura inglese. Secondo quanto riportato dal New York Times anche quest’analisi ha confermato che il pensiero della Schlueter: quasi nessun altro testo conteneva le stesse parole, inserite in paragrafi della medesima lunghezza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 12 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 15-03-2018 18:45

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»
Video

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA