ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Il ddl spettacolo passa al Senato, ma è polemica sui circhi

Il ddl spettacolo passa al Senato, ma è polemica sui circhi

Più risorse per il settore, con un incremento progressivo del Fondo Unico per lo Spettacolo che dal 2020 arriverà a 22,5 milioni di euro, e poi incentivi fiscali per la musica, il meccanismo dell’Art Bonus che dall’arte e i teatri si estende a tutti i comparti, 4 milioni per sostenere la cultura nelle zone colpite dal terremoto, fondi alle scuole. Ma anche l’arrivo di una cabina di regia, con la nascita del Consiglio Superiore dello Spettacolo, l’aggiornamento delle norme sulle Fondazioni liriche, il sostegno statale che si estende alla musica popolare contemporanea ai carnevali storici, alle rievocazioni. 

Con il via libera del Senato al ddl delega si avvia a diventare realtà, dopo oltre trent’anni di attese e di rinvii, la legge per lo spettacolo dal vivo. Ma intanto ad infiammare l’aula di Palazzo Madama è il passaggio sui circhi, e l’idea di arrivare ad uno stop, seppure graduale, dello sfruttamento degli animali. Da una parte i senatori animalisti, delusi perché avrebbero voluto si prevedesse tout court l’eliminazione degli animali dagli spettacoli, dall’altra quelli come Carlo Giovanardi (Federazione della libertà) che al circo si diverte con il nipotino e tira in ballo anche i cavalli di Pavarotti.

L’emendamento che viene trovato sembra lasciare tutti scontenti, in prima linea il M5s («Il governo ha fatto un clamoroso dietrofront») e Michela Brambilla («governo e maggioranza tremebondi»), ma anche lo stesso Giovanardi («norme pasticcio»), anche se il ministro Franceschini sottolinea il buon senso della formulazione finale. Dai circhi alle fondazioni liriche, le note dolenti in una legge che pure gode di un appoggio dichiaratamente bipartisan non mancano, con il senatore di Articolo 1 Mdp Michele Gotor che annuncia il voto positivo del suo gruppo e nello stesso tempo promette battaglia sulla necessità di sostenere i tempi del bel canto, alle prese con la crisi dei conti anche dopo il percorso di risanamento previsto dalla legge Bray («Le fondazioni sono un patrimonio che deve essere tutelato, bisogna abbandonare la logica contabile del pareggio di bilancio»). Tant’è, dopo due giorni di discussioni il ddl alla fine passa con 121 voti favorevoli, 12 contrari e 73 astenuti. La relatrice Rosa Maria Di Giorgi (Pd), anima anche della Legge Cinema di cui il ddl spettacolo è uno stralcio, sottolinea soddisfatta che si tratta di norme attese da decenni che puntano «al rilancio e allo sviluppo di tutto il settore dello spettacolo con il riconoscimento del suo valore formativo, educativo, e di contrasto al disagio sociale». 
E soddisfatto è anche il ministro Franceschini, in aula sia ieri sia oggi per seguire il dibattito. La riforma ora passa alla Camera, dove il ministro Pd si augura un’approvazione «in tempi rapidi». Dopo decenni di attesa e tanti tentativi andati a vuoto nei precedenti governi, lo spettro, ancora una volta, è la fine della legislatura. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 21-09-2017 09:28

Domenica In, le sorelle Parodi nel mirino di Striscia la Notizia: bufera sul web
Video

Domenica In, le sorelle Parodi nel mirino di Striscia la Notizia: bufera sul web

  • Malgioglio e Signorini sono stati insieme? Ecco i dettagli della storia d'amore

    Malgioglio e Signorini sono stati insieme?...

  • Il crudele scherzo de Le Iene a Eva Henger: il finale è con lacrime

    Il crudele scherzo de Le Iene a Eva Henger:...

  • Grande Fratello Vip, salta la finale del 20 Novembre: ecco cosa ha deciso la produzione del reality

    Grande Fratello Vip, salta la finale del 20...

  • Carlo Cracco presenta la quarta stagione di Hell's Kitchen: «Sarà uno show più forte e più vero»

    Carlo Cracco presenta la quarta stagione di...

  • Gf vip, Daniele Bossari in lacrime: faccia a faccia con Jeremias Rodriguez

    Gf vip, Daniele Bossari in lacrime: faccia a...

  • “Chi m'ha visto”, il nuovo film di Pierfrancesco Favino e Giuseppe Fiorello

    “Chi m'ha visto”, il nuovo...

  • Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

    Toro Scatenato, il film di Scorsese con De...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-21 11:44:51
Era la volta buona per eliminare, finalmente, gli animali nei circhi...come hanno già deciso diversi paesi in Europa. Invece questo Governo decide di non decidere, come al solito...e ci rimettono gli animali, anche se oltre il 70% degli italiani è contrario alla costrizione degli animali nei circhi!

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA