ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

"Poccetto", la grande scenografa
che abbatté il maschilismo del cinema

Qualche giorno fa è scomparsa  Elena Ricci detta “Poccetto”. Era la mamma molto amata dell’attrice Elerna Sofia Ricci, ma non solo: era una grande scenografa del cinema italiano, la prima donna a intraprendere in Italia l’entusiasmante mestiere di immaginare, decorare, “vestire” il set. E per affermarsi, per diventare una delle firme più apprezzate e richieste, ha dovuto lottare contro sessismo e pregiudizi: se ancora oggi continuano a funestare il lavoro femminile, figuriamoci quaranta, cinquanta anni fa.
Ma “Poccetto”, fiorentina doc, donna di grande cultura e spirito irresistibile, iniziò a fare la scenografa giovanissima, seguendo gli insegnamenti del padre architetto Leonardo Ricci, e non si è mai arresa.  Ha lavorato con grandi registi come Sergio Corbucci, Steno, Pasquale Festa Campanile, Luigi Zampa, Carlo Vanzina, Peter Del Monte, Robert Wise, Carlo Lizzani, Nanni Loy. Tra i suoi film spiccano «Amici Miei - atto III», «Casablanca Casablanca» di Francesco Nuti, «Mi manda Picone», «La Contessa di Carini» con Ugo Pagliai, «Letti Selvaggi» con Monica Vitti, «Dolce far niente» con Giancarlo Giannini e «Testa o Croce» con Nino Manfredi.
La scomparsa della scenografa, grande donna e professionista di primo piano, genera tristezza ma ci permette di rendere omaggio a una pioniera dell’affermazione femminile nel lavoro. “Poccetto” appartiene inoltre alla mai abbastanza esaltata categoria degli artigiani che dietro le quinte, con passione e inventiva, sacrifici e ottimismo, hanno contribuito a rendere grande il cinema italiano. Sono tanti, e non ci stancheremo di ringraziarli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 30 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:47

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 3 commenti presenti
2018-07-30 11:40:02
Scrivo questo commento nella speranza di essere più fortunato rispetto a quello che ho postato sul tema di Enzo. Gloria ci dice che Elena Ricci: «per affermarsi, per diventare una delle firme più apprezzate e richieste, ha dovuto lottare contro sessismo e pregiudizi: se ancora oggi continuano a funestare il lavoro femminile, figuriamoci quaranta, cinquanta anni fa.». Questo è senz'altro vero ma non completamente vero: la donna è genericamente superiore al maschio nella quasi totalità dei punti di vista, semplicemente, da millenni, ha altri interessi rispetto a quello di imporsi sull’altro sesso e gli altri dello stesso sesso che il maschio ha invece come stile di vita. Elena Ricci ha inoltre avuto, ma questo Gloria lo sa senz'altro meglio di me; il "vantaggio" di operare in un campo quello “dell'arredamento” dove le donne sono presenti già da qualche secolo. Che poi quello cinematografico sia un campo maschilista, questo è un altro discorso: probabilmente è un settore dove i marpioni, quelli che pretendono che assegnarti un lavoro richieda anche prestazioni extra, sono presenti in ogni settore e in ogni nazione. RISPOSTA: "Poccetto" Ricci è stata senza dubbio una pioniera perché si è imposta in una professione che tradizionalmente era monopolio maschile. Sulle cause poi che per millenni hanno spinto le donne ad avere "altri interessi" rispetto al lavoro, potremmo discutere fino a dopodomani...